Yohnna e il Baluardo dei Deserti

(1 recensione del cliente)

Un giovane arrotino, un malefico Jinn liberato dalla sua prigionia millenaria e un Paese meraviglioso, intriso di magia.
Tre elementi che non possono che dar vita a un’indimenticabile avventura.

Autore: Andreina Grieco
Pagine 220
ISBN: 978-88-98423-62-0

 3,99 14,00

Svuota
COD: N/A Categorie: ,

Caratteristiche

Formato

,

Autore

Andreina Grieco

Nata a Salerno nel 1984. Programmatrice specializzata in applicazioni web, vive a Milano da più di otto anni. È appassionata di libri fantasy, musica, giochi di ruolo, cultura giapponese e cultura araba. Si è avvicinata al mondo della scrittura partendo dalle fanfiction, per poi passare ai racconti originali. Nel tempo libero, canta in un gruppo jazz, fa cosplay e frequenta fiere del fumetto in tutta Italia.
Yohnna e il Baluardo dei Deserti segna il suo esordio editoriale.

Yohnna, giovane arrotino, sopravvive ad alterne fortune con il suo talento per i pugnali da lancio, la sua furbizia e una certa dose di sarcasmo. Smarrito nel deserto, in preda alla sete stappa una bottiglia trovata tra le sabbie e libera il malefico Jinn protettore dei Deserti.
Dovrà imparare a convivere con l’abominio che ha liberato perché lo spirito lo perseguiterà con la scusa di un terzo desiderio ancora da esprimere.
Horèb, gigantesco Jinn dallo spiccato humor nero, svolge alla perfezione il compito di guardiano dei Deserti, salvo fatto il vizio di divorare esseri umani. Liberato dopo secoli, deve fare i conti con una nuova vita in cui non può più uccidere, pena la dannazione eterna. Ma le tentazioni sono sempre in agguato.
Tra palazzi sontuosi, combattimenti a colpi di sciabola e duelli di magia, Yohnna trascina il Jinn in una partita d’astuzia dall’esito incerto. Ma non è importante sapere chi vince finché si continua a giocare.

1 recensione per Yohnna e il Baluardo dei Deserti

  1. Claudia

    Ho sempre amato le mille e una notte, per cui romanzi con ambientazione araba mi intrigano sempre.
    Alcune cose di questo libro mi hanno molto colpito:
    -Lo stile: il libro è facile e scorrevole e ha come cornice il racconto che Yohnna adulto fa di se stesso da giovane. La ‘voce’ di Yohnna è molto particolare e ironica e adoro un punto in cui dice ‘Se tornerai domani, avrai il resto della storia’, che ricorda molto gli espedienti di Sherazade.
    -L’ambientazione: fin dalle prime pagine ci si trova immersi in atmosfere esotiche e idee prese dal folklore arabo ed ebreo. Non ci si dimentica mai di trovarsi nella Siria delle Milleunanotte.
    -Horèb: il genio detto ‘Il Baluardo dei deserti’, nemico di Yohnna ma anche coprotagonista della storia. Nonostante sia violento e sadico piace subito al lettore per la sua forte personalità e per le sue evidenti contraddizioni. Che succede se metti un essere spietato e malvagio a combatter per le forze del bene? Alla fine fa il suo lavoro alla perfezione, la Siria è in ordine, se mangia la gente per divertimento che sarà mai…
    Molto toccante il personaggio di Salima, la sorellastra di Yohnna che è in realtà una guerriera dal passato oscuro.
    Un buon libro che consiglio a tutti gli appassionati del genere.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *